Nessun volume di ricerca? Nessun problema! 3 modi per migliorare le campagne AdWords a basso traffico

Il volume di ricerca è alla base delle campagne AdWords di maggior successo. Dopo tutto, se stai offrendo una parola chiave che ottiene 10.000 ricerche al mese e hai una percentuale di click-through del 5 percento, un tasso di conversione del 10 percento e una percentuale di chiusura del 20 percento, puoi aspettarti di chiudere 10 vendite al mese da quella parola chiave.

Una migliore copia pubblicitaria, pagine di destinazione o tattiche di vendita possono migliorare questi numeri, ma alla fine della giornata, hai solo 10.000 ricerche al mese con cui lavorare.

Ora, se la tua parola chiave si verifica per ottenere migliaia di ricerche al mese, non è un problema, ma cosa succede se le parole chiave che desideri o che hai bisogno di indirizzare ottengono solo 100 ricerche al mese?

All’improvviso, una percentuale di clic del 5 percento, un tasso di conversione del 10 percento e un tasso di chiusura del 20 percento significa che si ottiene una vendita da quella parola chiave … un anno.

E questo è se stai facendo una campagna efficace su una parola chiave che ottiene un centinaio di ricerche al mese. In molte campagne con volumi di ricerca bassi, potresti eseguire una campagna non provata per parole chiave con meno di 20 ricerche al mese!

Quindi, se sei un’azienda di nicchia o desideri ricevere clic da parole chiave a lungo termine ad alto valore, cosa fai? Smettere? Fai del tuo meglio e prega che qualcosa finirà per uscire?

Fortunatamente, se hai a che fare con parole chiave a basso traffico, smettere di fumare o lanciare spaghetti al muro e sperare che bastoncini non siano le tue uniche opzioni. In questo articolo, esamineremo tre diversi modi per gestire situazioni a basso traffico.

1. Usa la corrispondenza generica

Se stai offrendo parole chiave con un volume di ricerca elevato, la corrispondenza generica è un ottimo modo per sprecare un sacco di soldi.

Ad esempio, una volta abbiamo verificato un account AdWords per una società che ha implementato i SAP delle applicazioni di sistema. Sia loro che i loro clienti hanno usato il termine “linfa” tutto il tempo, quindi hanno preso di mira la parola chiave “linfa”.

Ora, la parola chiave “sap” da sola ottiene circa un milione di ricerche al mese, ma quando hanno creato una corrispondenza generica di parole chiave, i loro annunci venivano mostrati per ogni ricerca che si possa immaginare. Tra gli innumerevoli termini di ricerca irrilevanti, hanno ricevuto centinaia di migliaia di impressioni e centinaia di clic da persone che hanno cercato “A $ AP Rocky” – un rapper americano.

Sfortunatamente, le parole chiave con un volume di ricerca elevato tendono a confondere Google. Voglio dire, guarda solo ciò che lo Strumento di pianificazione delle parole chiave suggerisce come termini correlati per “linfa”:

È come se Google stesse dicendo: “Non so cosa stai cercando qui, quindi ecco un po ‘di tutto!”

Il volume di ricerca più basso di una parola chiave ha, tuttavia, il più specifico tende a essere. Le ricerche più specifiche sono molto più semplici per Google da interpretare e abbinare ad altre ricerche simili.

Ad esempio, ecco alcune delle parole chiave suggerite da Google quando si collega “sap deployment” a Keyword Planner:

Questa parola chiave ottiene solo 140 ricerche al mese, ma i suggerimenti di Google sono giusti sul denaro.

Ricerche come “servizi di implementazione di sap” sono perfette per ciò che l’azienda sta cercando e, mentre potrebbero non ottenere un sacco di volumi di ricerca, aumentano il numero totale di ricerche pertinenti per cui verranno pubblicati gli annunci di questa attività.

Quando hai a che fare con un volume di ricerca basso, la corrispondenza generica può spesso essere una grande risorsa. Le parole chiave a basso volume di ricerca tendono ad essere specifiche, pertanto la corrispondenza generica può fare un ottimo lavoro per far sì che i tuoi annunci vengano confrontati con ricerche a basso volume aggiuntive che potresti non aver mai considerato prima.

Per rendere le cose ancora migliori, dopo aver eseguito per un po ‘le parole chiave a corrispondenza generica, puoi accedere al rapporto sui termini di ricerca e verificare se Google ha scoperto eventuali gemme da aggiungere alla tua campagna o perditempo da aggiungere come negativo parole chiave.

Ovviamente, questo approccio non è altrettanto efficace del targeting di una parola chiave ad alto volume di ricerca utilizzando la corrispondenza esatta, ma l’utilizzo della corrispondenza generica può aiutarti a ottenere da diverse centinaia di migliaia di ricerche pertinenti al mese su una parola chiave a basso volume altamente mirata.

2. Adescare la pompa

A volte, il motivo per cui le tue parole chiave hanno un volume di ricerca basso è che le persone non pensano di cercare quello che stai vendendo.

Ciò è particolarmente vero per le imprese con prodotti nuovi e innovativi o società di nicchia con un pubblico potenziale molto ridotto.

In queste situazioni, di solito è una buona idea iniziare concentrandosi un po ‘più in alto nell’imbuto. Se nessuno ha mai sentito parlare di un “invertitore di sonno”, perché la gente dovrebbe cercarlo?

Invece di aspettare che le persone scoprano il tuo prodotto, servizio o azienda in modo casuale, è una buona idea essere un po ‘più aggressivi con il tuo marketing. Social network, display e video a pagamento sono ottimi modi per diffondere la parola e creare consapevolezza e richiesta.

Tutto questo è Marketing 101, ma qui è dove possiamo ottenere un po ‘complicato con AdWords.

I prodotti e i servizi nuovi o di nicchia hanno spesso un periodo di riscaldamento. Sfortunatamente, la maggior parte delle persone non vedrà un annuncio per un “sleep inverter”, fare clic su di esso e immediatamente acquistare, soprattutto se è costoso quali sono le cose più nuove o di nicchia.

Invece, molte persone avranno bisogno di tempo per pensare a cosa stai vendendo e fare una piccola ricerca prima che siano pronte per l’acquisto. Una buona visualizzazione o strategia di retargeting video può essere d’aiuto in questo caso, ma se vuoi davvero aggirare qualcuno che pensa al tuo prodotto, vale la pena utilizzare gli elenchi per il remarketing per gli annunci RLSA degli annunci della rete di ricerca.

Utilizzo degli RLSA per accedere a più volumi di ricerca

Le probabilità sono, se stai vendendo qualcosa di nuovo o di nicchia, c’è un “normale” che stai interrompendo. Nella maggior parte dei casi, se qualcuno sta cercando quel normale, non sarà interessato a ciò che stai vendendo.

Ad esempio, se hai inventato un’alternativa del letto “sleep inverter” che aiuti con mal di schiena, potrebbe essere difficile convincere le persone che stanno cercando il “materasso migliore” per fare clic sul tuo annuncio. Non stanno cercando un “invertitore di sonno”, stanno cercando un materasso!

Tuttavia, qualcuno che ha già fatto clic su uno degli annunci display “sleep converter” e sta ricercando “il miglior materasso” ha buone possibilità di fare clic sull’annuncio della ricerca e potenzialmente di effettuare un acquisto. Dopo tutto, sanno già qual è il tuo prodotto, quindi collegare il tuo “invertitore di sonno” alla ricerca del “miglior materasso” potrebbe essere solo la spinta di cui hanno bisogno per acquistare.

Gli RLSA ti permettono di destreggiarti tra queste due priorità in competizione.

Invece di cercare di competere con i “normali” prodotti o servizi che stai cercando di interrompere per i clienti che non ti capiscono o che cosa stai vendendo, puoi invece eseguire una campagna di offerta molto bassa con parole chiave “normali” e poi utilizza gli RLSA per aumentare notevolmente l’offerta quando qualcuno che ha già visitato il tuo sito o la pagina di destinazione cerca tali termini. In questo modo, puoi mantenere l’opzione nuova e migliorata di fronte ai potenziali clienti senza dover competere per le persone che non sono ancora pronte per quello che stai vendendo.

In sostanza, questa tattica ti offre un modo per aggirare le tue parole chiave a basso traffico utilizzando gli RLSA per accedere a parole chiave a volume di ricerca più ampio senza attirare clic non pertinenti.

3. Combina e conquista

Come accennato in precedenza, le parole chiave a basso volume di ricerca sono in genere anche parole chiave altamente specifiche. Questo può creare problemi reali quando si tratta di ottimizzare il testo pubblicitario.

Per ottenere clic, le ricerche specifiche richiedono una copia dell’annuncio specifica, quindi se desideri sfruttare al massimo le poche ricerche che hai, devi scrivere una copia dell’annuncio che corrisponda strettamente ai termini di ricerca e all’intento di ricerca delle parole chiave a basso traffico.

Sfortunatamente, è difficile valutare la tua copia dell’annuncio quando ricevi solo 10 clic al mese, quindi, a meno che non scriva la copia dell’annuncio perfetta la prima volta, potresti perdere potenziali clic, conversioni e vendite senza nemmeno rendertene conto.

Tuttavia, esiste un modo per testare il testo pubblicitario su parole chiave a basso traffico. Devi solo essere furbo su come mettere insieme il tuo testo pubblicitario.

Le probabilità sono, anche se le parole chiave specifiche utilizzate dal pubblico di destinazione sono diverse, i loro punti di dolore sono fondamentalmente gli stessi. Con questo in mente, dovresti essere in grado di scrivere una copia che leghi insieme le parole chiave e i punti dolenti in un modo abbastanza formulato.

Inoltre, se la tua copia dell’annuncio è sostanzialmente coerente, puoi offrire a tutti gli annunci la stessa etichetta in AdWords e utilizzare tale etichetta per aggregare il rendimento degli annunci tra tutte le parole chiave nell’Editor rapporti.

Dopo aver scelto l’etichetta dell’annuncio nell’Editor rapporti, tutto ciò che devi fare è scegliere le metriche che desideri valutare e Google mostrerà i dati collettivi per la tua copia dell’annuncio. Non è un modo molto scientifico di fare le cose, ma è un ottimo modo per capire come viene eseguito il tuo testo pubblicitario.

Inoltre, puoi anche utilizzare questa stessa tattica per testare due diversi set di testo pubblicitario. Tutto quello che devi fare è etichettare ciascuna versione separatamente nelle tue campagne ed eseguire un rapporto sulle etichette nell’Editor rapporti.

Come le altre tattiche discusse in questo articolo, questo approccio non è l’ideale, ma quando non si ha abbastanza traffico per fare le cose nel modo giusto, è un trucco pratico da avere nella manica.

Conclusione

Mentre le campagne a basso traffico possono essere un vero problema da gestire, puoi comunque ottenere buoni risultati dalle parole chiave a basso traffico in AdWords. Devi solo cambiare approccio. Invece di cercare ostinatamente di aderire alle “best practice” ad alto traffico, devi essere scrappato e trovare modi per sfruttare al massimo il traffico a cui hai accesso.

In questo articolo, abbiamo discusso tre diversi modi per sfruttare al meglio le tue campagne a basso traffico, ma ci sono una varietà di altri trucchi che puoi provare.

Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell’autore ospite e non necessariamente Search Engine Land. Gli autori del personale sono elencati qui.

Informazioni su The Jacob è un imprenditore appassionato impegnato a far crescere le imprese utilizzando PPC & CRO. In qualità di fondatore e CEO di Disruptive Advertising, Jacob ha sviluppato un’organizzazione premiata e di livello mondiale che ora ha aiutato oltre 2.000 aziende a incrementare le proprie entrate online. Connettiti con lui su Twitter.

Share:

More Posts

Send Us A Message

Questo sito usa Cookie di Analytics per raccogliere dati in forma aggregata e cookie di terze parti per migliorare l'esperienza utente. Generalmente i servizi non rilasciano cookie a meno che l'utente non usi espressamente il servizio